31 Maggio 2021

Il progetto di riqualificazione del Collegio Gregorianum

Il progetto di riqualificazione della sede del Collegio Universitario Gregorianum nasce da improrogabili necessità di adeguamento normativo (ineludibile sia per la sicurezza degli ospiti che per la responsabilità degli amministratori) e riqualificazione funzionale.

In particolare, la riqualificazione funzionale è anche finalizzata all’ottenimento del contributo ministeriale previsto per i Collegi di Merito accreditati al MUR (D.M. n. 673/2016 “Accreditamento dei Collegi universitari ex art. 17 D.Lgs n. 68/2012”).

La realizzazione di 66 camere singole con bagno interno abilita inoltre la struttura ad accogliere studenti di ambo i sessi.

La nuova conference room dedicata a don Ivo Sinico (40 posti)

Clicca qui per scaricare il rendering e i disegni del progetto di riqualificazione.

Nelle sezioni che seguono, organizzate negli accordion, vengono illustrati nel dettaglio gli aspetti rilevanti del progetto di riqualificazione:

  • la partecipazione al Bando MUR – Legge n. 338/2000;
  • le tre fasi di realizzazione del progetto;
  • le necessità finanziarie e il crowdfunding della Fondazione Gregorianum.

Gli interventi di messa a norma della Sede del Collegio Gregorianum, da cui è nato il progetto di riqualificazione complessiva, richiedevano nel 2017 un impegno di spesa pari a circa 480.000 €.

A fronte di tali necessità, la Fondazione Gregorianum nel 2017 ha presentato domanda di partecipazione al IV Bando di Cofinanziamento dello Stato per alloggi e residenze universitarie (Legge n. 338/2000), con un progetto complessivo di messa a norma e riqualificazione dell’importo di 2.080.000 €.

Nel 2020 la Fondazione Gregorianum è risultata vincitrice di un cofinanziamento di 940.000 €, pari al 49% del totale (escluse le spese di progettazione pari a 165.000 €). La spesa a carico del Collegio per la realizzazione del progetto complessivo di messa a norma e riqualificazione funzionale è quindi di 1.140.000 €.

L’intervento presentato al Ministero dell'Università e della Ricerca prevede una realizzazione in tre fasi (collocate ognuna nel periodo di chiusura estiva del Collegio).

Clicca qui per scaricare il rendering e i disegni del progetto di riqualificazione.

Nella estate 2017 è stata realizzata la Fase 1, consistente nella riqualificazione della Foresteria per un importo di circa 300.000 €, interamente sostenuto dalla Fondazione Gregorianum con mezzi propri.

Gli interventi della Fase 1: la riqualificazione della foresteria.

La Fase 2 è stata realizzata nell'estate 2020 e ha comportato la messa a norma della struttura con la realizzazione di 2 nuovi corpi scala esterni, per un importo di 470.000 €.

Gli interventi della Fase 2: i nuovi corpi scala esterni.

La Fase 3, che completa l’intervento di riqualificazione finalizzato al rispetto degli standard minimi qualitativi richiesti dal bando del MUR per i collegi universitari, ha un costo di 1.310.000 € ed è pianificata per l'estate 2021. Questo ultimo intervento di ristrutturazione interna degli spazi, che prevede l'inserimento in ogni stanza di un servizio autonomo, consente di fatto al Gregorianum di candidarsi a rientrare nell’elenco dei Collegi di Merito, che ricevono dallo Stato un contributo annuale sulle spese di gestione corrente.

Gli interventi della Fase 3: la riqualificazione delle stanze con introduzione del servizio igienico autonomo.

Il progetto di riqualificazione del Collegio Gregorianum prevede costi complessivi per 2.080.000 Euro.

Tali costi ad oggi sono coperti:

  • per 200.000 Euro da un contributo della Fondazione CARIPARO;
  • per 250.000 Euro da fondi propri della Fondazione Gregorianum;
  • per 940.000 Euro dal contributo del MUR - Legge 338/2000.

Restano quindi da finanziare 690.000 Euro.

Per coprire questa quota, la Fondazione Gregorianum ha attivato una azione di crowdfunding rivolta sia agli ex-allievi del Collegio sia ad Enti, Istituzioni e Aziende.

Clicca qui per scaricare la guida alle modalità di partecipazione alla raccolta fondi promossa dalla Fondazione Gregorianum per sostenere i costi del progetto di riqualificazione.